Home Salute Sclerosi Multipla e Artrite Reumatoide: arrivano i Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA)

Sclerosi Multipla e Artrite Reumatoide: arrivano i Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA)

Migliore operatività delle strutture ospedaliere e territoriali per ridurre rischi, ritardi e sprechi e garantire continuità e coordinamento dell’assistenza

Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università Federico II di Napoli, diretto dalla professoressa Maria Triassi, e la Regione Campania danno il via alla riorganizzazione dei processi di diagnosi e cura di due malattie cronico degenerative di significativo impatto sull’individuo e sulla società: la sclerosi multipla e l’artrite reumatoide, attraverso la realizzazione di Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) che assicurino al paziente continuità delle cure e coordinamento tra le strutture ospedaliere e territoriali coinvolte.

La sclerosi multipla, malattia cronica infiammatoria, autoimmune e degenerativa, colpisce circa 57.000 persone in Italia, di cui la maggior parte sono giovani adulti, prevalentemente di sesso femminile; l’artrite reumatoide, malattia infiammatoria che colpisce le piccole e grandi articolazioni e di cui sono affette circa 30.000 persone in Campania, se non trattata adeguatamente, può determinare importanti disabilità. La creazione di percorsi diagnostico-terapeutici per queste patologie è quindi un obiettivo assistenziale di grande rilevanza per il raggiungimento di una diagnosi precoce ed una terapia rapida ed efficace, a vantaggio sia del paziente sia della comunità. I pazienti avranno a disposizione un modello assistenziale capace di garantire una presa in carico globale su tutto il territorio grazie all’integrazione e al coordinamento degli interventi necessari.

Il processo di riorganizzazione guidato dal Dipartimento di Sanità Pubblica, nell’ambito delle linee progettuali della Regione Campania, ha un taglio innovativo. La rete tra ospedale e territorio rappresenterà l’esito di un lavoro di squadra multidisciplinare che vede coinvolti rappresentanti istituzionali, professionisti della salute e, a breve, anche i rappresentanti delle principali associazioni di volontariato, affinché i percorsi costituiscano un modello condiviso e partecipato a garanzia del loro funzionamento.

“In un periodo caratterizzato dalla scarsità delle risorse e dall’aumento delle malattie croniche, è importante offrire ai pazienti cure di qualità, attraverso nuove modalità assistenziali basate sulla integrazione delle professionalità e dei servizi e centrate sui bisogni della persona. Attraverso un lavoro di rete tra Ospedale e Territorio, è necessario coniugare competenze cliniche ed approccio manageriale per garantire percorsi accessibili, appropriati e soprattutto sostenibili, adottando una consapevole strategia di allocazione delle risorse senza ricorrere a poco efficaci tagli lineari?, sottolinea la professoressa Triassi.

L’obiettivo è, quindi, porre al centro il paziente, ridurre i rischi, gli sprechi ed i ritardi, assicurare continuità e coordinamento dell’assistenza e migliorare l’operatività di tutte le strutture coinvolte nei processi di diagnosi e cura, sia a livello ospedaliero sia sul territorio, ottimizzando anche la presenza dei centri prescrittori nella mappatura campana.

I tavoli tecnici, avviati da un semestre, hanno già prodotto interessanti risultati. Per l’Artrite Reumatoide è stato definito il PDTA ed si sta avviando un progetto pilota per la sua applicazione, è iniziato, inoltre, lo sviluppo di un database per la registrazione ed il monitoraggio dei pazienti, alla conclusione di questa fasi, seguirà un percorso formativo per reumatologi, responsabili dei centri prescrittori, medici di medicina generale, pediatri di libera scelta ed altri specialisti. Per la Sclerosi Multipla è già partita la sperimentazione della fase pilota del PDTA ed i gruppi di lavori stanno individuando i processi formativi per la validazione del modello organizzativo in ambito regionale. È prevista, inoltre, la costruzione di una rete informatica per i Centri dedicati alla Sclerosi Multipla e lo sviluppo di un data base per la registrazione ed il monitoraggio dei pazienti.

COMUNICATO STAMPA
Dipartimento di Sanità Pubblica e Regione Campania insieme per innovare l’organizzazione dei processi di cura

Dott.ssa Alessandra Dionisio
Scienze della Comunicazione PHD
Responsabile Area Comunicazione
Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II”